19/01/2008 19:25:25
Lannutti: questione bancaria è vera emergenza democratica

DRAGHI/ ADUSBEF: DA GOVERNATORE CERCHIOBOTTISMO

Lannutti: questione bancaria è vera emergenza democratica

Roma, 19 gen. (Apcom) - "Le incompatibili ricette del Governatore Draghi, sciorinate oggi al Forex di Bari, rappresentano un campionario di equilibrismo e di cerchiobottismo, per non scontentare nessuno". La critica al governatore della Banca d'Italia, arriva da Elio Lannutti dell'Adusbef. "Draghi - dice Lannutti - afferma che il sistema finanziario ha resistito al disordine nel mondo del credito, scatenato dalla crisi dei mutui sub-prime, ma che sono più pesanti le preoccupazioni sull'economia reale, sui consumi delle famiglie, che appaiono in calo".

"Le banche italiane - prosegue Lannutti - sarebbero relativamente poco esposte alla crisi dei sub-prime e al conseguente deprezzamento degli strumenti derivati basati sui mutui meno garantiti, ma ciononostante sarebbero pesanti gli effetti sulla crescita e sui consumi delle famiglie, che bisogna sostenere per evitare una crisi economica con una riduzione delle imposte, soprattutto per famiglie a basso reddito purchè tali sgravi fiscali non intacchino conti pubblici, perché nel caso italiano bisogna compensare gli sgravi con una riduzioni della spesa corrente, che resta molto elevata".

Le parole di Draghi sul sistema finanziario contraddicono, secondo Lannutti, l'ultima analisi della Banca d'Italia di tre giorni fa, che aveva certificato una crescita delle difficoltà e dei disagi delle famiglie ad onorare le rate dei mutui, con un aumento delle sofferenze bancarie cresciuto dell'8,45%, e che ha sfondato quota 11 miliardi di euro, con 'rosso' delle famiglie italiane, salito ad ottobre scorso ad 11.292 milioni di euro, ben 880 milioni in più dei 10.412 di un anno prima.

"Draghi, bontà sua, riconosce - sottolinea Lannutti - che le condizioni del mercato hanno mostrato negli ultimi anni significativi progressi gonfiando gli utili netti delle banche che nel 2007 sono stati pari a 23,8 miliardi dieuro, anche se sui mutuatari gravano anche costi diversi quali imposte, premi di assicurazione, commissioni, onorari e spese notarili, compensi per i periti particolarmente onerosi per i mutui di importo contenuto".

Le banche invece anche nel 2007 e con il concorso del controllore (Bankitalia), secondo l'Osservatorio Adusbef, hanno aumentato costi, commissioni e spese di gestione dei conti correnti in media di 25 euro a famiglia, hanno rincarato il costo del denaro dell'1,50%, con tassi debitori attestati ad una media del 14,75%; non hanno adeguato i tassi sui depositi, attestati ad una media dello 0,35% violando l'art.10 del decreto Bersani, in vigore dal giugno 2006, né eliminato la commissione di massimo scoperto, arrivato ad una media del 4,30 per cento, facendo rientrare dalla porta, sotto la voce 'spese per liquidazione trimestrale degli interessi' il balzello di 'spese di chiusura dei conti correnti', mentre anche surroga e portabilità dei mutui, è per lo più lettera morta. Adusbef, conclude la nota dell'associazione di consumatori, continuerà a porre la questione bancaria come vera questione di emergenza democratica.


 



17/01/2008 10:29:53
Stanno preparando un Decreto Salvabanche?


11/01/2008 14:50:10
Da Piera Levo. Sentenza di Rovigo sui derivati
Cari amici, per la prima volta un giudice ha scritto su di una
sentenza che lo swap è una scommessa!
PIERA LEVO

/public/editor/sentenza rovigo 03-01-08 derivati.pdf


07/01/2008 21:00:40
ADUSBEF ACCUSA IL GOVERNATORE DRAGHI

CUMUNICATO STAMPA ADUSBEF

BANCHE: DI FRONTE ALL’ENNESIMO SCANDALO DELLA BANCA DI ROMAGNA ED ALL’ISTITUTO BANCARIO SAMMARINESE “BANCA ASSET”, CHE RUOLO HANNO SVOLTO L’UFFICIO DI VIGILANZA DI BANKITALIA E L’UFFICIO ITALIANO DEI CAMBI DIRETTO DAL DR. BRUNO BIANCHI ?

ADUSBEF ACCUSA IL GOVERNATORE DRAGHI, CHE NON HA VIGILATO SULLO SCANDALO ITALEASE, CON UN BUCO DI 750 MILIONI EURO, NE’ RIESCE A PREVENIRE ILLEGALITA’ BANCARIE E FRODI.

 

Dieci dirigenti di banca arrestati e 37 persone indagate ,che avevano aperto a Forlì uno "sportello" della banca Asset di San Marino, dove era possibile effettuare operazioni e permettere così a imprenditori locali di portare soldi in nero nella repubblica del Titano, eludendo controlli e imposizioni fiscali: questa era, secondo un'indagine della Procura della Repubblica e della polizia di Forlì, la Banca di Credito e Risparmio di Romagna.

I sammarinesi Stefano Ercolani, presidente, Barbara Tabarrini, direttore generale, e Stefano Venturini, membro del consiglio di amministrazione, di Asset Banca sono stati arrestati su mandato della procura di Forlì nell’ambito dell’indagine, denominata “Re Nero”, coordinata dal pubblico ministero Fabio Di Vizio e condotta dal dirigente della Mobile, Oscar Ghetti. Il commercialista Stefano Venturini è anche membro del consiglio di amministrazione della Banca di Credito e Risparmio di Romagna con sede a Forlì. Il che, secondo l’accusa, dimostrerebbe (assieme ad altri elementi ricavati dalla operatività bancaria) che le due banche agivano in tandem. Anzi per gli investigatori la Banca di Credito e Risparmio di Romagna di fatto sarebbe, secondo l’accusa, una filiale di Asset Banca.

Che ruolo svolgono il Governatore Draghi e l’ufficio di vigilanza della Banca d’Italia, se non riescono mai a prevenire frodi lampanti a danno dei risparmiatori e del fisco, in situazioni così lampanti di illegalità, intrecci incestuosi e conflitto di interesse, posto che l’Istituto Bancario Sammarinese, Banca di San Marino ed il Credito di Romagna, banca italiana, con il signor Mercadini Giovanni, Presidente in una delle due banche e Amministratore delegato nell’altra; Farneti Giuseppe Maria presidente del Collegio Sindacale nell’una e sindaco nell’altra; la famiglia sammarinese Rossini presente nei consigli di amministrazione dell’una e dell’altra ?

Fra i dirigenti finiti in manette ci sono presidenti e direttori generali delle due banche e altri consiglieri, uno dei quali componente di entrambi i cda: dovranno rispondere dei reati di associazione a delinquere finalizzata alla commissione dei delitti di abusiva attività bancaria e finanziaria, ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza, riciclaggio di denaro proveniente da appropriazione indebita, falso e altri reati.

Ma da un Governatore come Draghi, indagato da alcune Procure della Repubblica per frode fiscale ai danni dello Stato perpetrata da alcune banche di affari come Goldman Sachs, c’è poco da aspettarsi nella lotta al riciclaggio ed alla frode fiscale, che sempre più numerosa passa mediante i canali bancari,con un Ufficio Italiano Cambi ed una Banca d’Italia, che chiudono entrambi gli occhi per non vedere. Adusbef sarebbe lieta di conoscere anche il ruolo svolto dalle Filiali di Bankitalia prossime all’ennesimo scandalo bancario.

07/01/2008



03/01/2008 22:23:51
L'INCREDIBILE CASO DI CESARE GERONZI
L'INCREDIBILE CASO DI CESARE GERONZI Leggi a pag. 2  /public/editor/geronzi.pdf


Pagina  «  <  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29     30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59     60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89     90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119     120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  139  140  141  142  143  144  145  146  147  148  149     150  151  152  153  154  155  156  157  158  159  160  161  162  163  164  165  166  167  168  169  170  171  172  173  174  175  176  177  178  179     180  181  182  183  184  185  186  187  188  189  190  191  192  193  194  195  196  197  198  199  200  201  202  203  204  205  206  207  208  209     210  211  212  213  214  215  216  217  218  219  220  221  222  223  224  225  226  227  228  229  230  231  232  233  234  235  236  237  238  239     240  >  »
News
16/01/2019
 14:25:50
26/12/2018
 17:01:46
09/08/2018
 16:59:08
21/01/2018
 18:32:49
15/08/2017
 06:35:36
29/07/2017
 09:14:44
Login utente
Username:
Password:
Entra automaticamente al prossimo accesso:

Password dimenticata?