21/03/2010 20:11:12
Vuole vendere un rene per la Banca

Dal CORRIERE delle Alpi : “Voglio vendere un rene per pagare i debiti contratti con una Banca” (clicca qui) “la richiesta di fallimento (della banca) è arrivata proprio quando iniziavo a vedere un miglioramento nella situazione generale” .



20/03/2010 15:56:31
L'accertamento dell'usura : di Gianni Frescura

Da Gianni Frescura, che il 18 marzo 2010 si è visto pubblicare su ALTALEX un proprio articolo, molto interessante, sulle modalità con le quali le Banche fanno usura(clicca qui)


"Le innovazioni rispetto al tradizionale approccio al fenomeno dell'usura bancaria è nell'aver sottolineato che si tratta di un reato di pericolo; non è una gran scoperta, perchè nessuno contesta questa caratteristica del reato, ma sono le conseguneze giuridiche e pratiche di questa caratteristica, che finora nessuno sembra aver mai considerato: se l'usura è un reato di pericolo significa che non è necessario che il supero del tasso si realizzi effettivamente, ma è sufficiente che nel contratto si trovino le clausole che lo permettano e di conseguenza, a mio avviso, i periti come prima cosa da fare, quando gli si chiede di verificare se un tasso è usurario o meno, dovrebbero guardare alle clausole del contratto di prestito che stabiliscono quali sono in teoria i tassi complessivamente applicabili all'operazione.
L' esempio fatto nella nota 10 dell'articolo credo si chiaro: "Il tasso soglia per mutui a tasso variabile, nel primo trimestre del 2010, è del 4,38%, se le parti si accordano per un muto di questo tipo al 4,00%, sembrerebbe  tutto regolare, ma nel caso in cui il tasso di mora previsto in quel contratto fosse dello 0,50% si tratterà di un mutuo usurario, anche se si pagheranno tutte le rate puntualmente e pertanto, alla fine del contratto, il contraente potrebbe farsi restituire tutti gli interessi pagati (come previsto dall'art. 1815 del c.c.) a causa della nullità delle clausole che stabiliscono i tassi".
Riporto poi un altro passo dell'articolo (tratto dal § 3) dove sottolineo un'altro aspetto finora trascurato da giudici, procuratori e ed avvocati: "l’“arma” del delitto di usura non è il tasso elevato, ma  l’accordo con cui si chiedono interessi oltre il limite o sproporzionati ed i colpevoli, in tal caso, saranno logicamente tutti quelli che approvano e utilizzano (anche in sede giudiziaria) il contratto usurario! E’ pertanto evidente che penalmente responsabili del reato di usura, sono coloro che predispongono (fasi preliminari e/o precontrattuali), concludono (stipula) e/o chiedono l’esecuzione dell’accordo usurario."
Nelle perizie e nei processi per usura relativi ai contratti di prestito connessi ai conti correnti (apertura di credito/castelletto) finora tutti si affannano a vedere se il tasso è stato superiore o meno alla soglia trimestrale, ma tale approccio a mio avviso è assolutamente errato; sarebbe come se in un proceso per detenzione di arma da guerra si mettessero a discutere se i proiettili sparati dall'arma sono idonei o meno ad uccidere, ma quello che la legge punisce è il mero possesso dell'arma (reato di pericolo) non se con l'arma si spara o meno (che un'altro reato eventualmente).
Volere esaminare se il tasso massimo teoricamente applicabile sia superiore o meno al tasso soglia indicato dalla legge al momento della conclusione del contratto porta logicamente a delle perizie per l'accertamento dell'usura costruite sui contratti e non sui tassi applicati trimestralmente al conto corrente, come attualmente ed erroneamente fatto finora. 
Altro punto importante dell'articolo, credo sia il fatto di aver evidenziato che, oltre al supero del tasso soglia esiste anche l'usura per sproporzione che non richiede particolari disquisizioni sull'utilizzo o meno della formula della Banca d'Italia (non si guarda al supero del tasso soglia), ma si deve porre attenzione al tasso medio e all'approffittmante della situazione di difficoltà economico finanziaria di un'impresa o di una famiglia, che è per l'appunto la logica normale delle banche le quali, con la scusa del maggior rischio, aumentano i tassi proprio a chi è in difficoltà.
Anche qui niente di nuovo, ma perchè magistrati ed avvocati finora non hanno mai guardato a quest'altro tipo di usura?
Quello che non funziona, a mio parere è proprio questo: o vogliamo una società dove la logica "economica" delle banche è quella giusta (mors tua vita mea) o la riteniamo non solo sbagliata, ma illegale (come dice chiaramente la legge 108/96) e pertanto dobbiamo pensare ad un nuovo tipo di banca, che ragioni con una logica diversa.
L'unico modo per evitare la logica dell'usura, a mio avviso, è il prestito senza interesse, cioè senza usura come, non a caso, insegnano tutte le religioni monoteiste: cristiana, ebraica ed islam. L'unica "fede" che favorisce invece il prestito ad interessi è quella liberal-massonica (che è praticamente una religione senza Dio), ma vediamo che i suoi adepti sono ora in grande difficoltà e le loro ricette non guariscono la malattia dell'economia, la cui causa è propio l'usura che, come un cancro, distrugge le cellule vive della società: famiglie ed imprese.
Sarebbe gradito un parere di altri esperti, ...  è vero che le idee del dott. Frescura sono "rivoluzionarie" per la questione dell'usura bancaria ? E se si, perchè in quindici anni nessuno lo aveva detto ? Dipende dalla "conventio ad escludendum" ? "
Cordiali saluti
Gianni Frescura


20/03/2010 15:53:21
Bankitalia : stop al massimo scoperto

Dal Sole 24 Ore : BANKITALIA : STOP AL MASSIMO SCOPERTO – Lettera di Via Nazionale al Tesoro : vietare la commissione(clicca qui) .



17/03/2010 18:50:42
TRUFFA : 4 BANCHE A GIUDIZIO

Primo caso al mondo. Truffa da 100 milioni commessa da Istituti di Credito ai danni di enti pubblici .

L'indagine fa luce su uno swap trentennale del 2005 tra il Comune di Milano e le quattro banche su un bullet bond da 1,68 miliardi di euro in scadenza nel 2035.  

Si tratterebbe del primo caso in Italia e forse nel mondo di un processo penale per truffa ai danni di enti pubblici commessa da Istituti di Credito.  Speriamo sia la prima tappa di un lungo percorso che entri nel merito di tutte le truffe bancarie  (clicca qui).
Dette Banche rischiano una sanzione da € 2,79 milioni(clicca qui)  



14/03/2010 17:55:33
Conventio ad Escludendum

L’illegale “conventio ad escludendum” tra la società ed i banchieri per le operazioni finanziarie usuraie .

Di Gianni Frescura (clicca qui) .



Pagina  «  <  1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  12  13  14  15  16  17  18  19  20  21  22  23  24  25  26  27  28  29     30  31  32  33  34  35  36  37  38  39  40  41  42  43  44  45  46  47  48  49  50  51  52  53  54  55  56  57  58  59     60  61  62  63  64  65  66  67  68  69  70  71  72  73  74  75  76  77  78  79  80  81  82  83  84  85  86  87  88  89     90  91  92  93  94  95  96  97  98  99  100  101  102  103  104  105  106  107  108  109  110  111  112  113  114  115  116  117  118  119     120  121  122  123  124  125  126  127  128  129  130  131  132  133  134  135  136  137  138  139  140  141  142  143  144  145  146  147  148  149     150  151  152  153  154  155  156  157  158  159  160  161  162  163  164  165  166  167  168  169  170  171  172  173  174  175  176  177  178  179     180  181  182  183  184  185  186  187  188  189  190  191  192  193  194  195  196  197  198  199  200  201  202  203  204  205  206  207  208  209     210  211  212  213  214  215  216  217  218  219  220  221  222  223  224  225  226  227  228  229  230  231  232  233  234  235  236  237  238  239     240  >  »
Login utente
Username:
Password:
Entra automaticamente al prossimo accesso:

Password dimenticata?