ATTENTI ALLE BANCHE

Visita anche la sezione "Come Denunciare le Banche"
Abbiamo iniziato la pubblicazione dei comportamenti illegittimi posti in essere dalla Banca di Roma e dalla Banca Antonveneta .
Seguiranno le altre Banche indagate

     

STATE ATTENTI ALLE BANCHE

 

I comportamenti sono tutti simili. Alcune Banche eccedono nei comportamenti vessatori .  

-    Segnalazioni discrezionali ed unilaterali presso la centrale Rischi della Banca d'Italia per somme non vere ;

-    False attestazioni ex-art. 50 del T.U.B. dei Funzionari, certificanti che il credito della Banca  e' vero e liquido (sulla base dell'ultimo saldaconto). Gia'  solo per la presenza degli interessi anatocistici, ultralegali e delle commissioni mai concordate dette attestazioni non rispondono al vero ;

-    Richiesta di Decreto Ingiuntivo sulla base di dette attestazioni non vere ;

-    Provvisorie esecuzioni concesse da Giudici distratti che credono ciecamente alle dichiarazioni delle Banche, senza tener conto che gli interessi anatocistici dovrebbero essere rilevati d'ufficio ;

 - Azioni esecutive .

Sono persuaso del fatto che, quanti di Voi leggeranno queste righe e le vicende riferite alle singole Banche, troveranno fattispecie non dissimili da quelle vissute in prima persona, o delle quali hanno avuto diretta testimonianza.

Il motivo del mio convincimento risiede nell'aver compreso che la mia vicenda personale, per quanto esasperata e paradossale, sia per cio' che attiene alla connotazione della vicenda criminis, sia per quanto attiene alle modalita'  di realizzazione e aggravamento delle conseguenze del reato, non costituisce una isolata onta a carico delle Banche, ma rappresenta, fotografandolo, un modus operandi diffuso attraverso il quale si manifesta lo strapotere dell'istituzione Bancaria.  

Cio' che rende eclatante la vicenda esposta non risiede tanto nelle vessazioni da me subite e poste in essere dalle Banche, quanto nell'essermi ribellato al sistema di strapotere economico delle stesse, ponendo all'attenzione dei Tribunali e dell'opinione pubblica il perverso e intricato meccanismo dei soprusi bancari.

Ad affiancare ed a sostenere le mie legittime rivendicazioni ho avuto la fortuna di avere un coraggioso penalista Ascolano che, nell'Aprile 2005, avendo appreso dei tassi usurari praticatimi dalle Banche, prima mi fece depositare denuncia-querela nei Loro confronti, poi mi mando' in Prefettura a chiedere la protezione dello Stato che ebbi senza indugio nel termine di 40/50 giorni dalla domanda . Protezione che e' stata rinnovata anche per il 2008.

 

Mi chiedo se i comportamenti di certe Banche non siano uguali, se non   peggiori, a quelli posti in essere dai delinquenti comuni che bruciano la casa  della propria vittima di usura e di estorsione che non vuole pagare l'indebito .

E' questa la realta'  che voglio venga conosciuta da tutti , mi battero' in ogni sede e avvalendomi di tutti i mezzi di informazione affinche' certe Banche non possano piu' perseverare in tali abusi e malversazioni, indegne di una societa'  civile e che attentano alla economia Nazionale.

Cio' intendo fare, confidando nell'aiuto di quanti credono in questa battaglia di civilta'  .

 

Emidio Orsini

News
Login utente
Username:
Password:
Entra automaticamente al prossimo accesso:

Password dimenticata?

Registrati