Contatto diretto: 331.9523745

Ordinanze e Sentenze

Corte D’Appello di Ancona del 12.07.2022 – Fideiussione parzialmente nulla – Revoca integrale del decreto ingiuntivo di € 609.720,78

A seguito di appello spiegato con il patrocinio dell’Avv. Alessio Orsini, la Corte D’Appello di Ancona ha integralmente riformato la Sentenza di primo grado ed in “totale accoglimento” ha dichiarato la nullità parziale della fideiussione e revocato integralmente il decreto ingiuntivo di € 609.720,78.

In primo grado i due fideiussori (assistiti da altro difensore) si erano visti rigettare l’opposizione a decreto ingiuntivo mentre, in grado di appello, la Corte in “totale accoglimento” dell’appello spiegato dall’ Avv. Alessio Orsini, ha ritenuto che quelle prestate fossero delle mere fideiussioni e non dei contratti autonomi di garanzia e che la Banca avesse agito oltre il termine decadenziale di cui all’art. 1957 c.c.

A tal proposito, l’Avv. Orsini, ha rilevato come le fideiussioni prestate fossero corrispondenti al modello ABI dichiarato lesivo della concorrenza dall’Antitrust e dalla Banca D’Italia e quindi le 3 clausole abusive, di sopravvivenza, reviviscenza e deroga al termine decadenziale di cui all’art. 1957 c.c. dovessero dichiararsi nulle.

Visualizza sentenza : clicca qui

Tribunale di Firenze - Sentenza 22.12.2021 – Revoca integrale del decreto ingiuntivo per carenza della titolarità del credito.

Con Sentenza del 22.12.2021 il Tribunale di Firenze ha ritenuto che la pubblicazione dell'avviso di cessione del credito sulla Gazzetta Ufficiale non assolve in re ipsia la funzione di attestare la legittimazione attiva del preteso cessionario di crediti in blocco.

Visualizza sentenza : clicca qui

Tribunale di Udine Sentenza del 14.06.2022 - Usura sul contratto di mutuo con il costo del confidi – Azzeramento interessi ex art. 1815 II° co. c.c. – Art. 40 II° co. TUB norma inderogabile

La Banca confessa l’usura e il Tribunale dichiara l’inefficacia del precetto € 271.125,47 e l’illegittima revoca di due contratti di mutuo

Il Tribunale di Udine, con Sentenza del 13.06.2022, ha accolto l’opposizione all’esecuzione ex art. 615 I° co. c.p.c. spiegata da una società mutuataria - assistita dall’ Avv. Alessio Orsini - contro l’istituto che le aveva concesso due mutui ipotecari ed aveva intimato il pagamento di € 271.125,47.

In particolare, è stata accertata l’usura contrattuale dei tassi nominali applicati ad un contratto di mutuo, dopo che la banca opposta ha aderito all’eccezione di pattuizione usuraria degli interessi.

Nel caso di specie, è stato decisivo il costo sostenuto per il confidi, ossia per il consorzio di garanzia che la Banca aveva richiesto in sede di erogazione del mutuo e la cui incidenza andava computata come costo del credito ai fini antiusura.

In ragione del superamento del tasso soglia, è sorto in capo ai mutuatari un diritto restitutorio pari a tutti gli interessi corrisposti, ai sensi dell’art. 1815 II° co. c.c.

Poiché gli interessi pagati dalla mutuataria erano superiori rispetto alle rate scadute, il Tribunale ha ritenuto che non sussistessero i presupposti per la risoluzione del mutuo.

Medesimo risultato anche per il secondo mutuo, in quanto le maggiori somme corrisposte per il primo mutuo, hanno determinato un forte ridimensionamento delle rate scadute, tanto da non ritenere verificata l’ipotesi di inadempimento prevista dall’art. 40 II° co. del TUB, che è norma inderogabile.

Pertanto, in accoglimento dell’opposizione, il Tribunale ha dichiarato che la Banca non aveva diritto di procedere ad esecuzione forzata per il primo mutuo, mentre, per il secondo mutuo, il diritto di agire viene limitato alla sola somma di € 2.273,10, a titolo di rate scadute e non pagate, ritenendo illegittima anche in questo caso la risoluzione del mutuo.

Visualizza Sentenza: clicca qui

Tribunale di Venezia Sentenza del 25.05.2022 – Usura - Accertamento indebiti sul conto corrente per € 47.097,20

Il Tribunale di Venezia con Sentenza del 22.05.2022 ricostruisce il saldo di conto corrente al netto degli illegittimi addebiti a titolo di anatocismo ed usura in € 47.097,20 in favore della società correntista.

Visualizza sentenza: clicca qui

Tribunale di Padova 20.05.2022 – Dichiarazione di estinzione della procedura esecutiva immobiliare – Inidoneità dei mutui a fungere da titolo esecutivo

Con provvedimento del 20.05.2022 il Giudice dell’ Esecuzione del Tribunale di Padova, in accoglimento dell’istanza presentata dalla società esecutata, dichiara estinta la procedura esecutiva che una banca aveva promosso in forza di due mutui.

In particolare, il Giudice, preso atto dell’esito vittorioso del giudizio di opposizione all’esecuzione, ha ritenuto “l’improcedibilità dell’esecuzione forzata promossa in assenza di un valido titolo esecutivo”.

Nel provvedimento, il Giudice ordina la cancellazione del pignoramento e condanna la Banca a sostenere tutte le spese della procedura.

Visualizza Ordinanza : clicca qui 

Tribunale di Treviso 29.04.2022 – Nullità fideiussione di € 270.000,00

Nella vicenda esaminata dal Tribunale di Treviso, la Banca aveva notificato un decreto ingiuntivo chiedendo il pagamento di € 270.000,00, facendo valere una fideiussione rilasciata per una società dichiarata fallita.

Il fideiussore, spiegando opposizione con il patrocinio dell’ Avv. Alessio Orsini, ha dedotto la nullità della fideiussione poiché conforme al modello ABI dichiarato lesivo della concorrenza.

Del punto di vista della prova, il Tribunale ha osservato non solo la perfetta coincidenza tre la clausole della fideiussione con quelle di cui al predetto modello ABI, ma ha anche precisato come “Né, comunque, gli opponenti possono ritenersi onerati di provare il carattere uniforme dell’applicazione delle clausole contestate, come sostiene l’opposta … tanto più che la fideiussione in parola è stata rilasciata in data 22.11.2002 ossia proprio nell’arco temporale oggetto dell’indagine svolta dalla Banca d’Italia (dal 2002 al maggio 2005), il che avvalora l’elevata attitudine probatoria del provvedimento sanzionatorio”.

Visualizza sentenza : clicca qui